martedì 28 febbraio | 11:29
pubblicato il 21/ott/2013 15:28

Legge stabilita': Medici Cgil, tagli in Sanita' ci sono. Per 1,1 mld

Legge stabilita': Medici Cgil, tagli in Sanita' ci sono. Per 1,1 mld

(ASCA) - Roma, 21 ott- ''La riduzione del finanziamento al Servizio Sanitario Nazionale c'e' e vale 1,1 miliardi di euro (540 milioni nel 2015, 610 dal 2016). E' contenuta, al netto di auspicabili modifiche del testo definitivo, nel comma 21 dell'art.11 della Legge di Stabilita'. Di questo importo, 800 milioni di euro vengono recuperati dalla retribuzione accessoria dei lavoratori della sanita', prima congelata fino al 31-12-2013, adesso fino al 2014, ma con la novita' della decurtazione permanente a partire dal 2015. Si tratta di un vero e proprio taglio lineare che colpisce tutto il pubblico impiego e in primo luogo i medici e gli operatori dell'Ssn.

Negli ospedali e nei servizi territoriali i cittadini non si curano da soli''. Questo il contenuto di una nota congiunta di Cecilia Taranto, Segretaria Nazionale Fp-Cgil, e Massimo Cozza, Segretario Nazionale Fp-Cgil Medici.

''Si elimina per sempre - aggiungono i due sindacalisti - la possibilita' di utilizzare queste risorse per la valorizzazione professionale e la produttivita' a livello di contrattazione decentrata. Uno schiaffo che si aggiunge a quelli ricevuti con il blocco dei contratti, il congelamento della retribuzione individuale anche per il prossimo anno, l'inasprimento del blocco del turn over, la mancanza di risorse per i precari e l'allontanamento della liquidazione con il diritto posticipato, anche di 4 anni, dal momento in cui si lascia per maturazione dei requisiti. Ma e' soprattutto un fatto che smentisce le rassicurazioni del Presidente del Consiglio Enrico Letta e di autorevoli esponenti del Governo''.

''Ci batteremo con tutti gli strumenti sindacali utili, a partire dallo sciopero di 4 ore proclamato da Cgil, Cisl e Uil, affinche' il Parlamento ponga fine a una stagione di accanimento contro chi e' impegnato a offrire servizi di pubblica utilita'. Alla Ministra Beatrice Lorenzin, che parla di ulteriori 7 miliardi di risparmi, ricordiamo che gia' oggi la nostra spesa e' sottodimensionata e che, se esistono sprechi o possibilita' di recuperare risorse grazie alle nuove tecnologie, questi importi vanno utilizzati per migliorare i servizi.

La Ministra lo ricorda sempre: questo e' un Paese che invecchia - concludono Taranto e Cozza - e che avra' sempre piu' bisogno di tutelare la salute''.

com-mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech