lunedì 16 gennaio | 23:32
pubblicato il 11/gen/2012 13:54

Legge elettorale, le ragioni dei giuristi pro referendum

Le opinioni di Vincenzo Palumbo e Pietro Adami

Legge elettorale, le ragioni dei giuristi pro referendum

Roma, (askanews) - I giuristi pro referendum espongono le loro ragioni, nel giorno in cui la Consulta deciderà in merito all'ammissibilità del quesiti che hanno come obiettivo l'abrogazione dell'attuale legge elettorale. Vincenzo Palumbo confida in un esito positivo. "Di ragioni per ammetterlo ce ne sono 1.210.000"Pietro Adami, dell'Associazione dei giuristi democratici, sostiene un'ulteriore tesi: il referendum abrogativo lascia un vuoto che poi va colmato, non può significare il ritorno automatico alla legge elettorale precedente e quella abrogata. "Il referendum va ammesso ma non fa rivivere la precedente legge, crea l'assenza di una legge che va gestito dal Presidente della Repubblica e dal Parlamento".

Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello