mercoledì 22 febbraio | 21:32
pubblicato il 11/gen/2012 13:54

Legge elettorale, le ragioni dei giuristi pro referendum

Le opinioni di Vincenzo Palumbo e Pietro Adami

Legge elettorale, le ragioni dei giuristi pro referendum

Roma, (askanews) - I giuristi pro referendum espongono le loro ragioni, nel giorno in cui la Consulta deciderà in merito all'ammissibilità del quesiti che hanno come obiettivo l'abrogazione dell'attuale legge elettorale. Vincenzo Palumbo confida in un esito positivo. "Di ragioni per ammetterlo ce ne sono 1.210.000"Pietro Adami, dell'Associazione dei giuristi democratici, sostiene un'ulteriore tesi: il referendum abrogativo lascia un vuoto che poi va colmato, non può significare il ritorno automatico alla legge elettorale precedente e quella abrogata. "Il referendum va ammesso ma non fa rivivere la precedente legge, crea l'assenza di una legge che va gestito dal Presidente della Repubblica e dal Parlamento".

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech