martedì 21 febbraio | 14:08
pubblicato il 25/gen/2011 21:01

Legale ucciso a Melfi nel 2003, assassino condannato ergastolo

Vincenzo Ruberto uccise l'avvocato per parcella troppo esosa

Legale ucciso a Melfi nel 2003, assassino condannato ergastolo

Potenza, 25 gen. (askanews) - Ergastolo, isolamento diurno per un anno e provvigionale di centomila euro a favore dei familiari della vittima. E' la pena che la Corte di Assise di Potenza, al termine di una Camera di Consiglio, ha stabilito per Vincenzo Ruberto, 53 anni, accusato dell'omicidio dell'avvocato Francesco Lanera ucciso nel studio a Melfi (Potenza) il 10 aprile del 2003. L'assassinio dell'avvocato Lanera, ferito mortalmente con alcuni colpi di pistola, fu deciso da Vincenzo Ruberto e da suo figlio Michele, 29 anni, per una parcella ritenuta troppo alta. Michele Ruberto, processato col rito abbreviato il 22 dicembre 2009, è stato condannato a una pena di 18 anni e sei mesi di reclusione. Padre e figlio furono arrestati il 9 gennaio 2009, al termine di indagini svolte da un nucleo investigativo interforze.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia