domenica 19 febbraio | 20:41
pubblicato il 19/feb/2014 09:07

Lecce: sequestrato patrimonio da 600mila euro a boss Sacra corona unita

Lecce: sequestrato patrimonio da 600mila euro a boss Sacra corona unita

(ASCA) - Lecce, 19 feb 2014 - Ammonta a 600mila euro il patrimonio - societa', beni mobili, immobili, rapporti di conto corrente e polizze di pegno - sequestrato dalla Direzione investigativa antimafia di Lecce a Centonze Antonio, 46enne di Brindisi, gia' condannato con sentenza irrevocabile per appartenenza all'associazione di tipo mafioso e, attualmente, elemento di spicco nella citta' di Brindisi della frangia mesagnese della Sacra corona unita.

Il provvedimento di sequestro eseguito da questa Sezione Operativa e' stato emesso - riferisce una nota - dal tribunale di Brindisi accogiendo la proposta del direttore della Dia. Accurate indagini hanno infatti accertato una manifesta sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati da Centonze e dal suo nucleo familiare ed il patrimonio a lui riconducibile, risultato intestato a familiari e soggetti compiacenti.

In particolare, i beni sequestrati sono: un appartamento con annesso box, cantina e posto auto, ubicato in Brindisi; quattro autovetture; tre societa' e relativi compendi aziendali; un rapporto di conto corrente e sedici polizze di pegno.

com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia