lunedì 20 febbraio | 22:00
pubblicato il 02/lug/2014 11:05

Le armi chimiche siriane a Gioia Tauro, poi lo smaltimento

Delicata operazione di trasbordo su un cargo statunitense

Le armi chimiche siriane a Gioia Tauro, poi lo smaltimento

Gioia Tauro (askanews) - Le armi chimiche siriane entrano nel porto calabrese di Gioia Tauro: la nave danese Ark Futura, partita dal Medio oriente lo scorso 23 giugno, ha portato sulle coste italiane le 800 tonnellate di gas dismessi dall'esercito siriano. Un passaggio intermedio, che non ha previsto alcun movimento "a terra", ma solo il trasbordo, peraltro delicato, dei container dalla Ark Futura al cargo statunitense incaricato dello smaltimento in alto mare.Per l'operazione sono state rafforzate le misure di sicurezza nell'area portuale ed è stato chiuso lo spazio aereo. Un elicottero militare e una fregata della Marina italiana hanno sorvegliato le operazioni. Nonostante l'eccezionalità dell'evento, nel porto di Gioia Tauro si tratta di operazioni già messe in atto per altri tipi di sostanze classificate con lo stesso grado di pericolosità di quelle provenienti dalla Siria.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia