domenica 04 dicembre | 07:48
pubblicato il 04/ott/2013 16:09

Lazio: Zingaretti, sbloccati altri fondi per P.A., oltre 1,3 mld euro

(ASCA) - Roma, 4 ott - La Regione Lazio ha sottoscritto oggi con il ministero dell'Economia e delle Finanze, dipartimento del Tesoro, il contratto che sblocca la seconda tranche di 1.363 milioni di euro per i pagamenti dei debiti non sanitari con le imprese e gli enti locali, nell'ambito del DL 35/2013 sul pagamento dei debiti della pubblica amministrazione. Tale tranche, originariamente prevista per l'anno 2014, e' stata anticipata al 2013 per effetto delle disposizioni contenute nel D.L. 102-2013. ''L'anticipazione della seconda tranche di pagamenti dei debiti contratti nel corso degli anni e ancora non pagati e' un'ottima notizia per le imprese e i cittadini''. Lo afferma il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

''Gia' alla fine di quest'anno - continua Zingaretti - avremo restituito quasi 4 miliardi di euro di liquidita'. Stiamo rispettando pienamente l'impegno assunto all'inizio dell'estate: abbattere il debito della Regione, riqualificare il bilancio, ridurre le spese e immettere, in tempi rapidi, nuova energia nel motore del sistema produttivo del Lazio''.

''Con lo sblocco della seconda tranche di risorse - afferma l'Assessore al Bilancio Alessandra Sartore - le risorse liquide gia' immesse dalla Regione Lazio nel tessuto economico e produttivo regionale ammontano gia' a 3.120 milioni di euro. A breve e' attesa anche l'erogazione della seconda tranche di anticipazioni di liquidita' da destinare al pagamento dei debiti del settore sanitario, pari a 665 milioni di euro''. Non appena le somme saranno effettivamente erogate, l'Amministrazione potra' effettuare il pagamento di fornitori ed enti territoriali entro i successivi 30 giorni per i fondi ordinari ed entro 60 giorni per i fondi perenti.

L'anticipazione sara' finalizzata a saldare i crediti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2012, secondo un piano dei pagamenti che da' priorita' ai debiti piu' anziani e riguarda, per almeno due terzi, residui passivi, anche perenti, nei confronti di enti locali. bet/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari