martedì 21 febbraio | 23:19
pubblicato il 19/nov/2013 14:43

Lazio: Zingaretti, sanita' laziale ha grandi risorse ma deve cambiare

(ASCA) - Roma, 19 nov - '''La sanita' del Lazio ha grandi risorse, ma per valorizzarle deve cambiare. Esistono, certamente, eccellenze dei singoli di strutture e reparti, ma cio' che manca e' un'eccellenza del sistema sanitario regionale.

Ed e' su questo che dobbiamo agire''. Cosi' il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dinanzi al Consiglio Regionale. ''Quello che vogliamo costruire - ha concluso Zingaretti - e' un modello equo e sostenibile, perche' capace di offrire risposte strutturali a quelle che io ritengo siano le tre grandi emergenze che oggi caratterizzano la sanita' del Lazio: lo squilibrio geografico tra centro e periferia; la fragilita' o inesistenza della sanita' territoriale; l'assenza di un ricambio di competenze e di esperienze a causa dalla rigidita' del blocco del turnover. Un blocco che da troppi anni sta tenendo fuori dal sistema un'intera generazione di professionisti sanitari''. Bet/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia