venerdì 20 gennaio | 02:46
pubblicato il 25/mar/2014 17:36

Lazio: Tarzia, giunta Zingaretti incoraggia 'l'aborto fai da te'

(ASCA) - Roma, 25 mar 2014 - ''La delibera firmata oggi dal presidente Nicola Zingaretti, che stabilisce che l'aborto, mediante la pillola Ru486, potra' avvenire anche in day-hospital, rappresenta a tutti gli effetti una grave forzatura ideologica in un panorama gia' di per se' preoccupante come quello della Regione Lazio, dove nel solo 2012 si sono registrati 12.000 aborti, senza contare la stima ancora impressionante degli aborti clandestini''. Lo afferma Olimpia Tarzia, vicepresidente della V commissione cultura della Regione Lazio. ''L'RU486 e' un aborto procurato, a tutti gli effetti e come tale va trattato, non e' concepibile che la Regione non tenga conto delle indicazioni del Governo riguardo l'obbligo di ricovero ospedaliero in regime ordinario per tutti i giorni necessari al completamento dell'atto abortivo. Stiamo parlando di una sostanza chimica che, oltre che porre fine ad una vita umana, puo' comportare gravi rischi per la salute e per la vita stessa della donna (come gia' accaduto). L'aborto chimico non e' affatto meno traumatico di quello chirurgico e puo' comportare pesanti complicazioni, sul piano fisico e su quello psicologico.

Nel 10% dei casi, infatti, l'assunzione della pillola RU486 puo' portare a copiose emorragie con conseguente necessita' di trasfusioni sanguigne. La delibera firmata da Zingaretti, inoltre, bypassa la stessa legge 194, poiche' tutta la procedura abortiva deve avvenire entro le strutture ospedaliere: nell'80% dei casi l'espulsione dell'embrione morto avviene durante la terza giornata. Le Istituzioni - aggiunge Tarzia - nel loro doveroso compito di tutela sociale della maternita', dovrebbero offrire soluzioni alternative al ricorso all'aborto, spesso dettato dalla solitudine e dalle pressioni sociali ed economiche che quasi sempre opprimono una donna di fronte ad una gravidanza inattesa, invece, con la delibera odierna, la Giunta Zingaretti sta gettando le basi per incoraggiare 'l'aborto fai da te' lasciando le donne ancora piu' sole a gestire un vero dramma nel bagno di casa.

Questo, secondo la giunta di centrosinistra, e' attribuire ai consultori 'il giusto ruolo e la dignita' che meritano questi servizi, nel campo della prevenzione, dell'assistenza e del diritto alla salute'? Questa sarebbe la riqualificazione e il rilancio dei consultori che ha in mente? Ma di che stiamo parlando? Facciamo veramente fatica a rintracciare nella sua delibera odierna parole come 'prevenzione', 'assistenza', 'giusto ruolo', 'dignita''.

Forse bisognerebbe ricordare al Presidente e a quanti oggi esultano per questa delibera, che la L.194, da loro cosi' difesa, all'art. 5, cita testualmente che: 'Il consultorio ha il compito di esaminare con la donna e con il padre del concepito le possibili soluzioni dei problemi proposti, di aiutarla a rimuovere le cause che la porterebbero alla interruzione della gravidanza'. Con questa delibera la Giunta sceglie, invece, di lavarsene le mani, riesumando un vecchio slogan tanto caro ad un certo veterofemminismo, ma ribaltandoglielo contro: 'l'utero e' tuo e te lo gestisci tu'''.

bet/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale