martedì 17 gennaio | 10:50
pubblicato il 28/gen/2014 18:33

Lazio: Santori, troppi accessi inadeguati e lunghe attese in PS

Lazio: Santori, troppi accessi inadeguati e lunghe attese in PS

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - ''L'analisi dei dati sugli accessi nei Pronto Soccorso del Lazio fa emergere con ancora piu' preoccupazione i risvolti di quella che e' una vera e propria emergenza'', cosi' dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e componente della commissione Salute, nel rendere noto uno studio sui dati pubblicati e relativi al periodo gennaio-novembre 2013 dal Programma Regionale di Valutazione degli Esiti degli interventi sanitari (P.Re.Val.E.).

''Il totale regionale parla di 1.960.417 di accessi nel periodo 2013 considerato, di cui circa il 7% in codice bianco (128mila), il 70% in codice verde (1mln360mila), il 21% in codice giallo (430mila) e il 2% in codice rosso (38mila). Il dato quantitativamente piu' significativo in termini assoluti di accesso si ha nei due maggiori nosocomi di Roma, l'Umberto I e il San Camillo, dove si sono registrati rispettivamente poco piu' di 133mila e 90mila accessi, di cui il 15% in codice bianco (6% per il San Camillo), il 62% in codice verde (75% per il San Camillo), il 20% in codice giallo (16% per il San Camillo) e il 2,6% circa in codice rosso per entrambe i pronto soccorso'', prosegue Santori.

''L'analisi si fa poi ancora piu' preoccupante se si sposta l'attenzione verso i tempi di permanenza, calcolati come differenza tra l'ora di dismissione dal Pronto Soccorso e l'ora di accesso nello stesso. Record negativo in questo senso e' dato da altri tre ospedali romani, il Sant'Andrea, il San Filippo Neri e Tor Vergata, rispettivamente con una percentuale di pazienti dismessi dopo le 48 ore del 5,17%, del 2,53% e del 7,77%. Al Sant'Andrea poi piu' della meta' dei pazienti che hanno avuto un accesso al Pronto Soccorso registra un tempo di permanenza superiore alle 4 ore. Una permanenza tra le 12 e le 48 ore e' invece registrata per il 16,6% dei pazienti sempre al Sant'Andrea, per il 15,7% al San Filippo Neri, per quasi il 15% al Sandro Pertini'', prosegue lo studio.

''Infine, i tempi di attesa, calcolati come la differenza tra l'ora di accesso al Pronto Soccorso e l'ora di presa in carico effettiva. In questo caso, sempre il Sant'Andrea e il San Filippo Neri registrano che la meta' degli accessi ha atteso piu' di un'ora tra l'arrivo al Pronto Soccorso e la presa in carico. In generale, si riscontra purtroppo un dato ancora molto lontano da quello standard raccomandato dagli studi di settore. Dinamica che in questi giorni sta emergendo in tutta la sua gravita' nelle denunce provenienti dagli operatori medico-sanitari e dagli stessi pazienti e che, di certo, non volgono a favore di una gestione sanitaria dignitosa nel Lazio, in particolare a Roma. Si tratta di numeri importanti che cozzano con l'emergenza di personale medico e infermieristico insufficiente, con strutture inadeguate e insicure, con una gestione che vede operatori e pazienti insoddisfatti di uno dei servizi essenziali che una sanita' decorosa ha l'obbligo di garantire'', conclude Santori.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Cybercrime
Cybercrime, Giulio e Francesca Occhionero restano in carcere
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello