venerdì 24 febbraio | 07:33
pubblicato il 11/feb/2014 13:54

Lazio: Petrangolini, negli ospedali luoghi preghiera per tutti i culti

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - ''L'iniziativa che il Policlinico Gemelli dedica oggi all'accoglienza e alla cura dei pazienti di diverse culture e religioni va nella giusta direzione. Ho presentato in Consiglio regionale una mozione che impegna Presidente e Giunta del Lazio a definire un progetto per l'attivazione dei servizi di assistenza religiosa, non solo cattolica, nei presidi ospedalieri delle Aziende Sanitarie della Regione, al fine di garantire indistintamente a tutti i pazienti ricoverati l'assistenza spirituale''. A parlare e' Teresa Petrangolini, consigliera del gruppo ''Per il Lazio', che auspica, proprio nella Giornata Mondiale del Malato, ''un importante passo in avanti nel campo dell'integrazione, della tolleranza e della tutela dei diritti di tutti i cittadini''.

Petrangolini, presentatrice della mozione, spiega che ''essendo in continuo aumento il numero dei cittadini italiani ed extracomunitari aderenti a religioni diverse da quella cattolica, e' necessario assicurare a tutti i pazienti ricoverati nei vari presidi ospedalieri regionali la liberta' di culto, garantendo a ciascuno la possibilita' di interfacciarsi con un rappresentante della propria fede e di utilizzare uno spazio specifico per i propri riti nei momenti peculiari del percorso assistenziale, come la nascita, la degenza, la morte, il lutto. Oggi -aggiunge la consigliera - i diritti non possono piu' venir meno negli interventi relativi alla malattia: vanno considerati e rispettati i fattori psicologici, sociali, culturali e mentali della persona e dei suoi familiari''. La consigliera segretaria dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio, inoltre, auspica che attraverso la mozione si possano realizzare alcuni interventi specifici: ''La creazione di un ''Tavolo istituzionale' multireligioso e interculturale con il compito di osservare, monitorare e migliorare l'accoglienza in ospedale; la redazione di un ''Protocollo d'accoglienza'; l'istituzione di un ''Albo di assistenti ed interlocutori religiosi e laici' accreditati presso le istituzioni ospedaliere e territoriali; l'individuazione di uno spazio di preghiera, meditazione e raccoglimento senza emblemi e simboli di parte, dove persone rappresentanti delle diverse religioni possano intervenire per dare conforto, pregare, meditare, confrontarsi, consultare testi religiosi e delle spiritualita' in senso lato''. Nel Lazio esistono gia' realta' che in questi anni hanno avviato programmi di accoglienza e attenzione alla questione oggetto della mozione: la Asl RM E, ad esempio, ha costituito un vero e proprio tavolo di confronto coinvolgendo tutti i rappresentanti delle religioni; nel 2012 l'azienda ospedaliera S. Camillo Forlanini ha sottoscritto un protocollo d'intesa con i rappresentanti delle maggiori religioni proprio sul tema oggetto della mozione.

bet/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech