sabato 21 gennaio | 07:24
pubblicato il 29/lug/2013 13:06

Lazio: Legambiente, continua aggressione cemento, cancellati 41 km costa

Lazio: Legambiente, continua aggressione cemento, cancellati 41 km costa

(ASCA) - Roma, 29 lug - Dal 1988 nel Lazio sono stati cancellati quarantuno chilometri di costa. Oggi, su 329 km, 208 risultano essere trasformati ad usi urbani e infrastrutturali, ossia oltre il 63%. Legambiente propone di bloccare le espansioni degli strumenti edilizi, fissare un vincolo di inedificabilita' assoluta per tutte le aree costiere ancora libere dall'edificato di almeno un chilometro dal mare, approvando subito un piano paesaggistico e chiedendo al contempo di procedere con l'abbattimento delle opere abusive, in particolare nei 23 comuni costieri dove nel 2009 stati commessi complessivamente ben 2.379 manufatti realizzati senza alcuna autorizzazione. E' quanto evidenziato oggi dalla 'Goletta Verde', la campagna di Legambiente impegnata per la difesa del mare e delle coste italiane, durante la presentazione del dossier ''Il consumo di suolo nelle aree costiere italiane. La costa laziale, da Minturno a Montalto di Castro: l'aggressione del cemento ed i cambiamenti del paesaggio''. All'incontro, svoltosi oggi a San Felice Circeo, hanno preso parte Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale Legambiente; Roberto Scacchi, direttore Legambiente Lazio; Marco Omizzolo, coordinatore provinciale Legambiente; Serena Carpentieri, responsabile Goletta Verde, Gaetano Benedetto, Commissario Ente Parco nazionale del Circeo, Maurizio Lucci, Sindaco del Comune di Sabaudia; Eleonora Brionne; Comunicazione e relazioni esterne Corepla.

''I risultati che questo studio ci consegna sono estremamente preoccupanti. Per i numeri e per la dimensione dell'aggressione nei confronti di una costa di grande bellezza, nella quale sopravvivono ancora paesaggi naturali e ricchi di storia, a rischio se non si interviene immediatamente- spiega Zanchini - Oggi cambiare non solo e' possibile ma e' nell'interesse dei cittadini, dell'ambiente e del turismo. Chiediamo alla giunta Zingaretti di avere il coraggio e la lungimiranza di fissare un vincolo di inedificabilita' assoluta per tutte le aree costiere ancora libere per almeno un chilometro dal mare, attraverso l'approvazione di un piano paesaggistico che intervenga anche sui piani regolatori vigenti per stralciarne le previsioni edificatorie''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4