domenica 04 dicembre | 07:54
pubblicato il 06/mag/2013 19:45

Lazio: Lega Consumatori, a Roma 294 sale gioco, ludopatia in aumento

(ASCA) - Roma, 6 mag - Nel solo comune di Roma sono 294 le sale gioco con complessive 50mila slot machine. Il gioco d'azzardo in Italia miete 800.000 vittime l'anno e, purtroppo, rappresenta un fenomeno in continuo crescendo. La spesa media dei romani nel 2011 per il gioco d'azzardo e' stato di 1200 euro annue a testa, piu' del doppio rispetto a sette anni prima.(500 euro a testa nel 2004). La ludopatia e' in aumento anche tra i bambini; infatti, l'8% tra gli 8 e gli 11 anni a Roma gioca a soldi on line, confermando la pericolosita' del fenomeno. Sono i dati forniti oggi dalla Lega Consumatori Lazio durante la conferenza stampa ''Sportelli GAP - informazione per la lotta al gioco d'azzardo patologico''. La Lega Consumatori Lazio insieme alla SIIPAC (Societa' Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive) ha aperto 3 sportelli a Roma nelle zone Garbatella, Casilina e in Centro storico ed altri 2 a Cassino in provincia di Frosinone e a Viterbo. Il presidente della Lega Consumatori Lazio, Pino Bendandi ha spiegato che ''chi gioca di piu' sono soprattutto le persone indigenti, per lo piu' di ceto medio-basso, pensionati e disoccupati attratti, vista la crisi, dal miraggio di un facile guadagno. E' necessario stare vicino ai giocatori patologici e sostenerli in un cammino di recupero.

La nostra intenzione e' quella di stilare un documento politico da presentare al futuro Sindaco di Roma, al Governatore della Regione, a tutti i sindaci dei comuni laziali per attivare serie iniziative di contrasto e per impedire l'apertura di nuove sale gioco. In Italia un matrimonio su 10 finisce a causa della ludopatia e sempre piu' gesti folli sono addebitabili al vizio del gioco. La pubblicita' trasmette ai consumatori messaggi subdoli e fuorvianti, con la falsa promessa di grosse e facili vincite''. La presidente del Forum delle Associazioni Familiari del Lazio, Emma Ciccarelli, ha auspicato ''una forte collaborazione tra le Istituzioni e le associazioni secondo un principio di sussidiarieta' per dare risposte piu' efficaci alle famiglie. La lotta alla ludopatia e' dura ma si puo' vincere.

Chiediamo allo Stato una decisa scelta di campo: non si puo' allo stesso tempo guadagnare con i Monopoli e finanziare i percorsi di recupero della ludopatia''. ''Inoltre - ha aggiunto Pino Bendandi - e' fondamentale che si freni la pubblicizzazione dei giochi d'azzardo e che si limiti la concessione delle licenze per questo tipo di sale''.

bet/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari