lunedì 05 dicembre | 10:23
pubblicato il 08/feb/2014 12:30

Lazio: Garante detenuti, mancano fondi. Allarme per i malati di aids

(ASCA) - Roma, 8 febbraio 2014 - ''A partire dal mese di gennaio la Regione Lazio ha bloccato, per carenza di fondi, le autorizzazioni all'invio di pazienti malati di Aids, fra i quali anche numerosi detenuti, in Case Famiglia extra Regione. A comunicarlo, una nota dell'Istituto Nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, Centro di coordinamento per l'ingresso nelle case famiglia della Regione, o di altre regioni, per persone affette da Aids. Su tale blocco delle autorizzazioni il Garante dei Detenuti del Lazio Angiolo Marroni ha inviato una lettera urgente al Presidente della Regione Nicola Zingaretti (Commissario ad acta per la Sanita'), al sub Commissario Renato Botti, al coordinatore della Cabina di regia del Servizio Sanitario Regionale Alessio D'Amato e al Responsabile della Direzione regionale salute e integrazione sociosanitaria Flori De Grassi. La nota inviata dallo Spallanzani, inviata anche al Tribunale di Sorveglianza di Roma, fa specifico riferimento ad una detenuta attualmente reclusa nel carcere di Rebibbia Femminile. A seguito del blocco delle autorizzazioni al trasferimento la detenuta che doveva essere trasferita a causa delle sue condizioni di salute in Casa Famiglia in provincia di Pesaro, e' invece stata trattenuta in carcere, in attesa di un posto libero in una delle Case famiglia della Regione Lazio. ''Nel caso di specie - ha detto Angiolo Marroni - la decisione dello ''Spallanzani'' di fatto interrompe per un periodo purtroppo non breve, dati i tempi di attesa delle strutture del Lazio, un percorso di salute e trattamento previsto dalle norme e la possibilita' di accedere alle misure alternative. Piu' in generale, il numero di posti letto disponibili, in convenzione, nella nostra Regione, non riesce piu' a rispondere alla domanda di nuovi ingressi e se la decisione assunta dalla Regione non mutasse, le conseguenze potrebbero essere drammatiche. Per questo, visto anche che lo ''Spallanzani'' ha evidenziato l'assenza di comunicazione circa i tempi di risoluzione di tale problematica, ho deciso di scrivere ai vertici della Sanita' regionale chiedendo di ripristinare le procedure necessarie al rilascio delle autorizzazioni all'ingresso in Casa Famiglia per i pazienti in AIDS che sono in attesa di adeguata assegnazione, garantendo loro la tutela del diritto alla salute ed alle cure mediche''.

bet

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari