martedì 28 febbraio | 08:59
pubblicato il 29/gen/2013 14:31

Lazio: Camusso, in questa Regione sanita' come luogo di ladrocinio

(ASCA) - Roma, 29 gen - ''Penso alla sanita' di questa Regione come luogo di ladrocinio e del dominio degli affari politici''. Parole del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in occasione del suo intervenendo, a Roma, ad un incontro della Cgil di Roma e Lazio dedicato al lavoro nella Regione. Camusso ha ricordato quanto sta accadendo nel Lazio nel comparto sanitario con lavoratori che continuano a lavorare senza ricevere lo stipendio. Ha sottolineato che ''quando si e' deciso che nel settore si dovevano fare accreditamenti piuttosto che investimenti nella sanita' pubblica, non e' che non si sia fatto un clamoroso intervento pubblico e non e' che noi ci siamo dimenticati che quell'intervento che ha caratterizzato la sanita' privata ha deciso che il privato era tutto finanziato dal pubblico perche' per essere un privato che investe su se stesso, di privato protetto ne abbiamo visto anche molto''. bet/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech