giovedì 08 dicembre | 15:43
pubblicato il 22/mag/2013 17:29

Lavoro: Saitta (Upi), presto incontro con Giovannini su Centri impiego

Lavoro: Saitta (Upi), presto incontro con Giovannini su Centri impiego

(ASCA) - Roma, 22 mag - ''La riflessione che si e' aperta in queste settimane sul ruolo dei Servizi per il lavoro ed in particolare sul rafforzamento dei Centri per l'Impiego e' molto importante, ma e' altrettanto importante che le decisioni che verranno prese tengano conto di un assunto: ad oggi i Centri per l'impiego pubblici sono presidi di punta dello stato sociale''. Lo afferma in una nota il presidente dell'Unione Province italiane, Antonio Saitta, annunciando che: ''la prossima settimana incontreremo il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini cui consegneremo un dossier approfondito sullo stato degli oltre 550 centri per l'impiego gestiti dalle Province e sul loro ruolo nei territori. Quando si descrivono i Centri per l'impiego quasi fossero agenzie di lavoro con le stesse funzioni di quelle private - chiarisce Saitta - ci si dimentica del valore aggiunto di questi uffici, che hanno compiti anche diversi: oltre all'intermediazione del lavoro, all'orientamento e alla formazione, che svolgono come le private, si occupano di assistere i disoccupati per l'erogazione dei sussidi; si occupano del collocamento dei cittadini con disabilita'; svolgono tutti gli adempimenti necessari per le aziende e i lavoratori al momento dell'assunzione. Hanno un fine sociale, non d'impresa, e per questo devono essere considerati un presidio dello Stato che non va smantellato, ma anzi, potenziato, favorendo piuttosto la collaborazione sempre piu' necessaria con le agenzie private''.

''La questione semmai - sottolinea Saitta - e' che sulle politiche per l'impiego le risorse che lo Stato italiano assicura sono del tutto irrisorie se paragonate a quanto avviene negli altri paesi europei. In Italia in questi anni di crisi sono state destinati ai Centri per l'impiego risorse pari allo 0,02% del Pil nazionale, una cifra che e' 6 volte inferiore a quanto e' stato fatto nello stesso periodo dalla Spagna, e 10 inferiore all'investimento realizzato in Germania''.

A tal proposito Saitta ha sottolineato come ''in Italia nei Centri per l'Impiego provinciali lavora un operatore ogni 500 disoccupati, mentre nel Regno unito i job center pubblici prevedono un orientatore ogni 25 disoccupati. Gli operatori dei Cpi dipendenti dalle Province sono solo 6.600. Sono cifre incomparabili''. ''Nonostante questo - ha proseguito il presidente Upi - negli ultimi anni gli italiani che hanno trovato lavoro tramite i Cpi sono il 3.9% mentre coloro che hanno trovato lavoro tramite le agenzie private sono il 2,4%. Inoltre, sempre negli ultimi anni, sono stati i Cpi a gestire la presa in carico e il reimpiego di ben 800mila lavoratori coinvolti dalla crisi e titolari di ammortizzatori in deroga''. ''Piuttosto che smantellare questi presidi - conclude Saitta - e' necessario investire per rafforzare i Centri per l'Impiego, anche attraverso la collaborazione con le agenzie private, come accade nel resto d'Europa. Anche di questo parleremo al Ministro Giovannini, cui porteremo le nostre proposte per il rilancio dei servizi''.

com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni