venerdì 20 gennaio | 07:35
pubblicato il 09/mag/2013 15:10

Lasciato all'incuria il casolare in cui morì Peppino Impastato

Il fratello: "Fatene un luogo di memoria contro le mafie

Lasciato all'incuria il casolare in cui morì Peppino Impastato

Cinisi, (askanews) - Un rudere pieno di calcinacci e pietre vicino ai binari della ferrovia. E' quanto resta del luogo in cui stato ucciso Peppino Impastato, il giovane attivista che dalle frequenza di Radio Aut ebbe il coraggio di sfidare la mafia chiamandola per nome e cognome e per questo venne ucciso a 30 anni, il 9 maggio del 1978. Il fratello Giovanni e con lui tutti quelli che vogliono preservarne la memoria chiedono che questo luogo diventi un simbolo. "Come si fa a ridurre un luogo di memoria in questo modo?". A sostegno del progetto sono state raccolte 30mila firme che verranno consegnate in Regione per chiedere che il casolare venga espropriato, ristrutturato e reso un luogo di memoria e ricordo di Peppino e di tutte le vittime della mafie.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale