martedì 06 dicembre | 17:40
pubblicato il 09/mag/2013 15:10

Lasciato all'incuria il casolare in cui morì Peppino Impastato

Il fratello: "Fatene un luogo di memoria contro le mafie

Lasciato all'incuria il casolare in cui morì Peppino Impastato

Cinisi, (askanews) - Un rudere pieno di calcinacci e pietre vicino ai binari della ferrovia. E' quanto resta del luogo in cui stato ucciso Peppino Impastato, il giovane attivista che dalle frequenza di Radio Aut ebbe il coraggio di sfidare la mafia chiamandola per nome e cognome e per questo venne ucciso a 30 anni, il 9 maggio del 1978. Il fratello Giovanni e con lui tutti quelli che vogliono preservarne la memoria chiedono che questo luogo diventi un simbolo. "Come si fa a ridurre un luogo di memoria in questo modo?". A sostegno del progetto sono state raccolte 30mila firme che verranno consegnate in Regione per chiedere che il casolare venga espropriato, ristrutturato e reso un luogo di memoria e ricordo di Peppino e di tutte le vittime della mafie.

Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni