domenica 04 dicembre | 15:26
pubblicato il 04/ott/2013 12:00

Lampedusa/Profugo eritreo:In mare abbiamo aspettato almeno 5 ore

Parla un sopravvissuto alla tragedia di ieri

Lampedusa/Profugo eritreo:In mare abbiamo aspettato almeno 5 ore

Palermo, 4 ott. (askanews) - "Ho messo cinque mesi per raggiungere la Libia dopo essere partito dall'Eritrea. In Libia sono rimasto pochissimo e dopo aver pagato 1600 dollari mi sono imbarcato per Lampedusa". Ha ancora dipinto negli occhi l'orrore Abrahal, un immigrato eritreo di 41 anni ospitato nel centro d'accoglienza di Lampedusa dov'è arrivato poche ore prima che un altro barcone, sul quale era a bordo suo figlio, naufragasse di fronte all'isola dei Conigli. Abrahal non ha parenti in Europa ma come le tante altre migliaia di migranti transitati dalla maggiore delle Pelagie, sogna una vita lontana dalle guerre e dalle persecuzioni. Suo figlio, sopravvissuto al naufragio in cui sono morti almeno duecento migranti, gli ha riferito di essere stato in acqua almeno 5 ore dopo che il barcone si è rovesciato trascinando con sè centinaia dei suoi compagni di viaggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari