lunedì 20 febbraio | 08:05
pubblicato il 07/apr/2011 13:29

Lampedusa, viaggio nel cimitero degli immigrati "senza nome"

Una decina di croci di legno per i naufraghi, anche musulmani

Lampedusa, viaggio nel cimitero degli immigrati "senza nome"

I lampedusani la chiamano "la zona dei senza nome": è la parte del cimitero dell'isola siciliana riservata alla sepoltura degli immigrati non identificati e morti nei naufragi dei barconi. Due aree silenziose, dove ci sono una decina di piccole croci di legno con un numero impresso sopra, rovinate dal tempo e circondate dai fiori: a vigilare c'è il guardiano del cimitero. Non tutti gli immigrati, spiega, restano senza nome. La nazionalità musulmana di molti dei naufraghi non impedisce che anche a loro sia dedicata una sepoltura e una croce. Il sindaco De Rubeis aveva promesso di riqualificare la zona, con una sepoltura più dignitosa per i morti, ma finora le promesse non sono state mantenute.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia