giovedì 23 febbraio | 09:07
pubblicato il 03/ott/2013 12:00

Lampedusa/ Pescatori e soccorsi: Spesso costretti voltare spalle

"Noi non siamo tutti 'Comandanti Schettino' a cui dire cosa fare"

Lampedusa/ Pescatori e soccorsi: Spesso costretti voltare spalle

Roma, 3 ott. (askanews) - "La legge del mare è la legge dell'uomo ed è la nostra legge. Lo scriva per favore. Ma noi spesso siamo costretti a voltare le spalle a chi ha difficoltà in mare perchè dobbiamo salvare le vite dei nostri figli. Ci sono in gioco le vite di queste persone che sono nostri fratelli ma ci sono in gioco anche le vite e il destino dei notri figli". Giovanni Tumbiolo, presidente del distretto pesca di Mazara del Vallo, interpellato da Tmnews, commenta così la notizia su presunti mancati soccorsi da parte di alcuni motopesca alla imbarcazione naufragata al largo di Lampedusa la scorsa notte. Ne ha parlato per primo il sindaco di Lampedusa e ci sarebbero testimonianze di alcuni naufraghi ma al momento non ci sono conferme ufficiali. "Parliamo di vite umane e noi abbiamo grande rispetto - aggiunge -. Voglio però ricordare che in ballo, ogni giorno, ci sono anche le nostre vite e quelle delle nostre famiglie". Tumbiolo parla di 'solitudine' e 'abbandono' nel quale sono lasciati da anni i pescatori mazaresi. "Siamo marinai generosi e in questi anni abbiamo salvato centinaia di vite' nel soccorso in mare. "Non c'è bisogno di dirlo, lo sanno in tutto il mondo che siamo marinai generosi ma qui non ci sono regole. Lo Stato, l'Unione europea dove sono?". "Pensano tutti che siamo dei comandanti 'Schettino' a cui chiedere di fare cose che comportano rischi e anche danni economici ingenti. A loro non importa niente. Sapete quante aziende sono fallite? Quando soccoriamo immigrati sui barconi in difficoltà - prosegue - la Capitaneria di ordina di entrare in porto a Lampedusa anche con il mare forza sette. Lo sapete cosa significa? Ci sono motopesca che hanno avuto danni ingenti e poi l'attività è fallita". "Potrei citare decine di casi - prosegue Tumbiolo -. Ad esempio, ci sono i fratelli Campo (armatori di un motopesca, ndr) che da quattro annia ttendono ancora un rimboro si 40 mila euro per danni ben maggiori di circa duecentomila euro causati proprio da un intervento di soccorso e dall'ingresso nel porto. Quell'azienda che dava lavoro a venti famiglie è fallita. Come sono fallite tante altre realtà. Ci mitragliano sulle coste libiche ed è il caso, ricorderete del motopesca Ariete che fu bersagliato da colpi che partirono da una motovedetta della Guardia di finanza donata ai libici e ci sequestrano ogni mese imbarcazioni, tra Libia e Tunisia: viviamo ogni giorno in una situazione in cui non ci sono regole e dove l'Unione europa non fa proprio niente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech