lunedì 23 gennaio | 14:25
pubblicato il 11/feb/2015 17:27

Lampedusa, la storia di Saydoun affidato alla famiglia Maggiore

Il ragazzo senegalese accolto da una famiglia italiana dell'isola

Lampedusa, la storia di Saydoun affidato alla famiglia Maggiore

Roma, (askanews) - In questi giorni di dolore a Lampedusa, la storia della famiglia Maggiore è una di quelle che riesce, almeno in parte, a ridare speranza alla piccola isola che continua a contare morti in mare davanti alle sue coste. Saydoun, senegalese di 17 anni è arrivato in Italia come tanti altri migranti subsahariani, recuperato da un barcone, dai mezzi impegnati nel Canale di Sicilia nell'operazione Mare Nostrum, a gennaio dell'anno scorso. Ospitato in un centro d'accoglienza di Messina, la scorsa estate ha incontrato Lillo e Piera Maggiore, il cui unico desiderio era accoglierlo.

"Noi stiamo crescendo con lui, lui sta crescendo con noi. Stiamo imparando da lui e lui impara da noi. Vorrei lanciare un appello alle istituzioni, perché i minori non accompagnati che arrivano sulle nostre coste vengano affidati alle famiglie, perché fragili e deboli come sono sono facili prede della malavita organizzata".

Saydoun, in contatto con la sua famiglia d'origine in Senegal, frequenta con ottimi risultati la scuola, gioca a pallone nella squadra locale e si è integrato perfettamente nella comunità. La famiglia Maggiore ha potuto realizzare il suo desiderio grazie all'Associazione Ai.Bi. (Amici dei Bambini), che accompagna ragazzi soli in un percorso di affidamento sicuro, come spiega la referente a Lampedusa Veronica Policardi.

"Questi minori hanno già il diritto di soggiorno per minore età, possono essere affidati a delle famiglie: l'affido dura due anni, poi viene rinnovato fino al compimento del 18esimo anno d'età. Poi è possibile avere un permesso di soggiorno o per studio o per lavoro".

I coniugi Maggiore, con due figlie all'università lontano da Lampedusa, già in passato avevano offerto ospitalità ai migranti arrivati sull'isola. Come nel caso dei sopravvissuti al tragico naufragio del 3 ottobre.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4