domenica 04 dicembre | 02:54
pubblicato il 06/mag/2014 12:03

La vedova Raciti: "Mi troverò Genni a' Carogna in un talk show"

"Quella scritta ha violentato la memoria di mio marito"

La vedova Raciti: "Mi troverò Genni a' Carogna in un talk show"

Catania (askanews) - "Quella scritta mi ha schiaffeggiato, ha schiaffeggiato e violentato la memoria di mio marito". E' una ferita che si è riaperta quella di Marisa Grasso, la vedova dell'ispettore Filippo Raciti ucciso il 2 febbraio 2007 negli scontri per il derby Catania-Palermo. Per la morte dell'uomo è stato condannato Antonino Speziale, il cui cognome è comparso sulla maglietta del capo ultrà napoletano detto Genni 'a carogna, simbolo della follia della finale di Coppa Italia."Ditemi voi se è giusto - aggiunge - che quest'individuo sia tornato a casa tranquillamente con quella maglietta addosso e possa tranquillamente ridere e prenderci in giro. E non è giusto che io adesso mi preoccupi di trovarlo in qualche trasmissione televisiva anche in confronto con me".La signora poi parla anche dell'atteggiamento delle autorità che erano in tribuna all'Olimpico. "Non è un prestigio essere uomini dello Stato, è un onore quando si è capaci di dimostrare che si opera per il bene dello Stato".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari