lunedì 05 dicembre | 20:14
pubblicato il 24/mar/2011 12:18

La vedova di Francesco Fortugno: delitto politico-mafioso

Soddisfatta della sentenza d'appello

La vedova di Francesco Fortugno: delitto politico-mafioso

Il delitto di Francesco Fortugno, vicepresidente del Consiglio regionale assassinato il 16 ottobre del 2005 a Reggio Calabria, è un omicidio politico-mafioso: è la tesi della vedova Maria Grazia Laganà, sostenuta anche dal procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, e ribadita dalla donna dopo la sentenza della Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria che ha confermato le condanne di primo grado. La Corte, presieduta da Bruno Muscolo, ha confermato le condanne gli ergastoli per Alessandro e Giuseppe Marcianò come mandanti dell'omicidio. Ergastolo anche a Salvatore Ritorto e Domenico Audino ritenuti gli esecutori materiali. Vincenzo Cordì, presunto boss di Locri, condannato in primo grado a 12 anni, è stato assolto in appello, come Carmelo Desì, condannato in primo grado a 4 anni. Pena ridotta ad Antonio Desì.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari