giovedì 19 gennaio | 14:03
pubblicato il 29/nov/2012 13:35

La svolta dei jeans: il pantalone più inquinante diventa green

Dalla tintura col vino al tessuto con bottiglie in plastica

La svolta dei jeans: il pantalone più inquinante diventa green

Milano, (askanews) - E' un "must have" del guardaroba maschile quanto femminile. Ma la produzione di questo intramontabile capo d'abbigliamento è tra le più inquinanti. Stiamo parlando dei jeans, che ora grazie all'innovazioni tecnologiche potranno diventare più ecologici. Questa azienda americana per esempio ha deciso di sostituire il cotone, nella cui coltivazione si utilizzano molti antiparassitari, con fibre ottenute da bottiglie di plastica. Kara Nicholas, vicepresidente di Cone Denim:"Il filo è fatto per il 75% da bottiglie di plastica riciclate ed al 25% di cotone. C'è dunque una percentuale importante di materia riciclata. Per un jeans bastano 7 o 8 bottiglie".Per ottenere il famoso effetto sdrucito o il colore indaco la maggiorparte dei produttori utilizza coloranti nocivi per l'ambiente. A volte basta una semplice bottiglia di vino e un bagno in una soluzione a base di ferro per riprodurre tutta la gamma dei blu. Come insegna questa azienda italiana, la Itv Denim." una soluzione che va aggiunta al momento della risciacquatura per formare il blu. Lo chiamiamo Blu di Prussia. Cambiando il pH dell'acqua di risciacquo, invece, si possono avere tutti questi colori", spiega Barbara Jnutti manager dell'azienda italiana.Un altro grosso problema è il consumo dell'acqua. Per produrre un paio di jeans ne occorrono una quarantina di litri. Grazie a una nuova formula, questo produttore fissa il colore già alla prima tintura. Così l'acqua del risciacquo resta pulita e può essere riutilizzata: con un risparmo giornaliero di 300mila litri di acqua."Il metodo di tintura è più costoso - spiega David Bardin, Manager di Tavex europe - ma poiché si fanno grandi economie d'acqua, riutilizzandola più volte, si hanno costi comparabili ai costi industriali abituali".La difficile equazione tra ambiente e industria a poco a poco va risolvendosi. Ma occorreranno ancora degli anni prima di poter indossare jeans eco-friendly.(Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina