sabato 03 dicembre | 17:03
pubblicato il 08/giu/2011 18:31

La stampante 3D esce dagli uffici e arriva in cucina

Nuova frontiera della tecnologia

La stampante 3D esce dagli uffici e arriva in cucina

Dalla medicina alla cucina, le stampanti 3D entrano nella vita quotidiana: un tempo patrimonio esclusivo di case automobilistiche e compagnie aerospaziali, anche per i costi elevati, ora servono ai medici per "stampare" modelli di organi e ai cuochi per disegnare il cibo del futuro."Fabbrichiamo stampanti 3D da 25 anni: ora il tentativo è arrivare a un livello consumer e rendere la stampa 3D accessibile al mercato di massa" spiega Rajeev Kulkarni, vice presidente di Global Engineering, 3D Systems. Funziona così: si crea un'immagine tridimensionale con un software specifico, questa viene trasmessa a una stampante che, anzichè usare l'inchiosto, usa una sostanza liquida per formare l'oggetto. Hp lavora a una linea con prodotti dai mille euro in su."La stampante 3D si può tenere in casa per creare piccoli oggetti - spiega il caporedattore di CrunchGear - come un giocattolo per i figli". Secondo alcune ricerche il valore del mercato delle stampanti 3D raggiungerà 5,2 miliardi di dollari nel 2020.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari