sabato 25 febbraio | 11:02
pubblicato il 21/dic/2011 17:20

La Savina Caylyn liberata dopo 11 mesi nelle mani dei pirati

Secondo "Somalia Report" pagato riscatto per nave italiana

La Savina Caylyn liberata dopo 11 mesi nelle mani dei pirati

Milano, (askanews) - La Savina Caylyn è stata liberata. La nave italiana della Compagnia Fratelli D'Amato era nelle mani dei pirati somali dall'8 febbraio scorso. 11 mesi di paura per i 22 membri dell'equipaggio, fra cui 5 italiani, e per le loro famiglie, viste anche le continue pressioni psicologiche dei pirati che parlavano di problemi di salute per gli uomini a bordo, come in questa drammatica telefonata con un giornalista del quotidiano online LiberoReporter, nell'agosto scorso.Secondo il sito Web Somalia Report per ottenere la liberazione sarebbe stato pagato ai pirati un riscatto di 11,5 milioni di dollari.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech