lunedì 23 gennaio | 11:33
pubblicato il 22/mag/2013 11:41

La mafia nella metanizzazione della Sicilia: sequestro da 48 mln

Nel mirino Gdf patrimonio di uno dei soci della G.a.s. Spa

La mafia nella metanizzazione della Sicilia: sequestro da 48 mln

Palermo, (askanews) - Tra gli Anni 80 e 90 del secolo scorso hanno metanizzato oltre 70 Comuni in Sicilia e Abruzzo spendendo 400 miliardi di lire di fondi pubblici. Ma la rete del metano non ci sarebbe stata se la Gasdotti azienda siciliana, che aveva come socio occulto Vito Ciancimino, non avesse avuto l'appoggio di Cosa Nostra. A distanza di oltre trent'anni dalla realizzazione di quell'opera, la Guardia di Finanza di Palermo è riuscita a mettere le mani sul patrimonio della famiglia di uno dei due soci della Gas Spa, Ezio Brancato morto nel 2000. Un sequestro preventivo di beni per oltre 48 milioni di euro giunto al termine di un'articolata attività di indagine che ha messo in luce il ruolo dei leader storici di Cosa Nostra, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella e Matteo Messina Denaro, negli affari delle società del gruppo. Brancato, secondo le indagini, aveva sviluppato la propria attività grazie alla protezione di "Cosa Nostra" e ad appoggi politici - in particolare dell'ex sindaco di Palermo Ciancimino - arrivando ad ottenere 72 concessioni distribuire il metano in settantaquattro comuni di Sicilia e Abruzzo. Centrale la ricostruzione della storia economico finanziaria delle società del gruppo e della ricchezza accumulata nel tempo dalla famiglia del fondatore, subentrata nella gestione dopo la sua morte: con la vendita agli spagnoli di Gas Natural, per circa 115 milioni di euro nel 2004, gli eredi sono riusciti a "ripulire" il denaro ottenuto grazie all'appoggio di Cosa Nostra. Oggi il sequestro dei baschi verdi, che tra Sicilia e Sardegna ha messo i sigilli su quote societarie, beni immmobili e disponibilità bancarie.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4