martedì 06 dicembre | 19:34
pubblicato il 20/mar/2015 16:01

La mafia dietro passante ferroviario di Palermo: sigilli a ditta

La società era controllata di fatto dal clan Lo Piccolo

La mafia dietro passante ferroviario di Palermo: sigilli a ditta

Roma, (askanews) - La mafia dietro al passante ferroviario di Palermo. La Dia ha posto i sigilli a una ditta controllata di fatto dal clan Lo Piccolo. Gli agenti della Direzione investigativa antimafia di Palermo hanno infatti disposto il sequestro per beni del valore di 800mila euro nei confronti di due imprenditrici palermitane titolari della Multiservice Italgroup, impegnata nei lavori di realizzazione del passante ferroviario nel capoluogo siciliano.

Gli accertamenti sulle ditte hanno messo in evidenza elementi di infiltrazione mafiosa. L'azienda, seppur formalmente intestata alle due donne, di fatto era sotto il controllo di Cosa nostra, in particolare di appartenenti al mandamento di Palermo-San Lorenzo, facente capo a Salvatore e Sandro Lo Piccolo.

Il sequestro ha riguardato l'intero capitale sociale e il compendio aziendale della Multiservice Italgroup, tre immobili, tre veicoli e cinque rapporti bancari e finanziari.

Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni