giovedì 19 gennaio | 04:17
pubblicato il 01/set/2011 05:00

La Dandini aspetta prossimo Cda Rai, continua contatto con La7

Si studia format, ma viale Mazzini vuole sciogliere nodo Fandango

La Dandini aspetta prossimo Cda Rai, continua contatto con La7

Roma, 1 set. (askanews) - Contatti in corso con La7 sui contorni di un nuovo programma, ma occhi attenti al prossimo Cda Rai, mercoledì 7, per capire se esista ancora un margine per la ripresa - possibilmente nei tempi - di Parla con me. Si capirà quindi nei prossimi giorni se anche Serena Dandini lascerà l'azienda, dopo Michele Santoro e Paolo Ruffini. Il canale con La7 è aperto da giorni. Dandini non porterebbe Parla con me, format ora di proprietà Rai, ed è sugli spazi, i contenuti e il tipo di programma che si inizia a ragionare con l'ad Giovanni Stella. Una perdita che l'opposizione vorrebbe evitare, per questo chiederà che in Cda sia messa ai voti una deroga stagionale che consenta di superare il 'nodo Fandango', lasciando che sia quella la produzione e non esclusivamente interna, e senza gara di appalto, come previsto dalle regole di società pubblica. Richiesta che il Presidente Garimberti accoglierebbe. Senza contare, fanno sapere dalla redazione del programma, che Parla con me è già ora in gran parte realizzato con risorse interne Rai. Tutto insomma gira intorno a questo voto: in caso non ci fosse, o se la deroga non passasse, difficilmente Dandini potrebbe partire il 28 settembre o comunque in tempo utile per l'avvio di stagione. E più vicina potrebbe essere la chiusura con La7. Altro capitolo aperto con l'estate, la sostituzione di Ruffini alla guida di Raitre. Oggi il Pd chiede un'accelerazione, "come si fa a ritardare mesi la nomina di un nuovo direttore quando il vecchio è destinato a dirigere la tv concorrente?", dice Matteo Orfini. Ad ora nessuna stretta sui tempi, in vista del prossimo Cda, a breve si potrebbe optare per un interim. Per la nomina definitiva circolavano, tra gli altri, i nomi di Maria Pia Ammirati e Giovanni Floris ma si potrebbe anche puntare sul ritorno di Antonio Di Bella, che lasciò Raitre dopo il reintegro di Ruffini da parte del giudice del lavoro, e la cui nomina ottenne un ampio consenso in Cda. Mdr 311849 ago 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina