martedì 21 febbraio | 11:13
pubblicato il 01/apr/2011 13:12

L'uomo che corre nel deserto per dire no al nucleare

Francesco Galanzino in Namibia in nome di Greenpeace

L'uomo che corre nel deserto per dire no al nucleare

Francesco Galanzino è un padre, un imprenditore ma soprattutto un corridore. Ha affrontato gare in Niger, Mauritania, fra le Piramidi, al Polo Nord, ma la sfida più estrema l'ha appena conclusa: "Namibia desert challenge", una corsa di 220 chilometri in 5 giorni a temperature oltre 45 gradi. Una gara estrema che non ha avuto come scopo solo spingersi oltre i propri limiti, ma portare un messaggio a nome di Greenpeace: No al nucleare. Galanzino ha anche tenuto un blog durante la corsa "E' stata la mia peggiore gara dal punto di vista atletico - ha scritto nel suo ultimo post - ma ho imparato a tenere duro ed a soffrire. Grazie a tutti"

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia