giovedì 23 febbraio | 16:04
pubblicato il 16/ott/2014 16:46

L. Stabilità, anche i Comuni "preoccupati": governo ci incontri

"Bene ridurre fisco ma valutare praticabilità sforzo enti locali"

L. Stabilità, anche i Comuni "preoccupati": governo ci incontri

Roma, 16 ott. (askanews) - "Non può non preoccupare la dimensione dello sforzo finanziario chiesto ai Comuni" dalla legge di stabilità varata ieri dal governo. Lo scrive in una nota il presidente dell'Anci Piero Fassino: "Non appena sarà disponibile la versione ufficiale della Legge di Stabilità, ne valuteremo con grande attenzione il testo e le misure lì proposte per gli Enti locali. Se è certamente apprezzabile la scelta generale della legge, di una riduzione fiscale finalizzata a rilanciare investimenti e consumi ed a creare lavoro, va valutato nella sua concreta praticabilità e nei suoi effetti lo sforzo finanziario richiesto agli Enti Locali", afferma Fassino, che chiede "un incontro con il Governo per una valutazione d'insieme della Legge di Stabilità e dei suoi effetti sulle politiche degli Enti Locali".

"Da indiscrezioni di stampa - aggiunge Fassino - risulterebbero incluse nella legge misure da tempo richieste dall'Anci, quali il drastico ridimensionamento del Patto di Stabilità, l'assunzione in capo allo Stato degli oneri per il finanziamento degli uffici giudiziari, le misure di riorganizzazione delle società partecipate. Ci auguriamo che, nel testo della legge o in sede di conversione parlamentare, altre misure richieste dall'Anci siano adottate, quali la liberazione dagli opprimenti vincoli ordinamentali e una fiscalità locale di esclusiva competenza dei Comuni".

"Non può in ogni caso non preoccupare - rimarca il presidente dell'Anci - la dimensione dello sforzo finanziario chiesto ai Comuni: una riduzione di spesa di 1,2 miliardi - a cui vanno aggiunti altri 300 milioni di tagli sul 2015 derivanti da provvedimenti degli anni scorsi - che si sommano ai 17 miliardi (8 di minori trasferimenti e 9 di contributo al Patto di Stabilità) forniti dai Comuni negli ultimi 6 anni. A ciò si aggiunga il rischio che i tagli richiesti a Province e Regioni penalizzino a loro volta i trasferimenti di questi Enti ai Comuni. E peraltro non è sufficientemente chiaro quale ulteriore impatto sui bilanci dei Comuni potrà derivare dalla introduzione del nuovo sistema di contabilità. Per tutte queste ragioni - conclude Fassino - riteniamo indispensabile un incontro con il Governo per una valutazione d'insieme della Legge di Stabilità e dei suoi effetti sulle politiche degli Enti Locali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech