domenica 26 febbraio | 18:07
pubblicato il 06/feb/2012 10:34

L'Italia dell'Arte, a Firenze c'è il "Cimitero dell'Atella"

Corsi di formazione per guide turistiche tra le tombe dei grandi

L'Italia dell'Arte, a Firenze c'è il "Cimitero dell'Atella"

Firenze (askanews) - Chi dice che per ammirare sculture e opere d'arte bisogna esclusivamente andare al museo? Ci sono posti in Italia che sono veri e propri musei a cielo aperto, come il cimitero dell'Antella a Bagno a Ripoli, nei pressi di Firenze. Tra le tombe, numerose le opere d'arte di Galileo Chini, uno dei più grandi maestri del '900. Capolavori fuori dai consueti percorsi fiorentini e che, anche in vista dell'apertura, nel capoluogo toscano di un museo dedicato al '900, la scuola di formazione Apab, nei corsi finanziati dalla provincia, ha inserito negli itinerari per le guide turistiche. La tutor dell'Apab, Lia Bernini. Risalente al 1855, ospite le spoglie di numerosi personaggi noti della città, tra questi anche Fanny Targioni Tozzetti, la donna amata da Giacomo Leopardi e ispiratrice del ciclo dell'"Aspasia".

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech