venerdì 24 febbraio | 14:08
pubblicato il 10/gen/2012 15:24

L'Italia condannata da Corte diritti uomo per emergenza rifiuti

Il ricorso presentato da 18 cittadini di Somma Vesuviana

L'Italia condannata da Corte diritti uomo per emergenza rifiuti

Strasburgo (askanews) - La Corte dei diritti dell'Uomo di Strasburgo ha condannato l'Italia per la cattiva gestione della crisi dei rifiuti in Campania. L'organismo europeo ha riconosciuto la violazione del diritto alla salvaguardia della vita privata e familiare: lo Stato cioè non puo' costringere i suoi abitanti a vivere tra l'immondizia e la sporcizia. Secondo la sentenza della Corte che però non è definitiva, lo Stato italiano, a partire dal 1994, non è stato capace di gestire adeguatamente l'emergenza rifiuti in Campania, ma non è stato riconosciuto il danno alla salute per i cittadini. Il ricorso era stato presentato alla corte 4 anni fa da 18 cittadini di Somma Vesuviana, che sostenevano tra l'altro l'esistenza di un nesso tra un aumento dei casi di cancro e la gestione dei rifiuti in Campania.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech