domenica 04 dicembre | 13:27
pubblicato il 03/lug/2012 08:36

L'Iran punta sui videogiochi "positivi" per educare all'Islam

Un festival per incentivare l'industria videoludica nazionale

L'Iran punta sui videogiochi "positivi" per educare all'Islam

Milano, (askanews) - Videogiochi come stimolo per sviluppare la cultura e le tradizioni islamiche. Accade in Iran dove le autorità locali stanno cercando di sviluppare in tutti i modi la produzione nazionale dei cosiddetti "videogame positivi", a cui è dedicato un intero festival a Teheran."Con questo festival - spiega Muhammad Bi Taraf, Vice presidente della Iranian videogames association - cerchiamo di incoraggiare la produzione e la diffusione di videogiochi con un contenuto per così dire positivo. Vogliamo dimostrare che qui in Medioriente possiamo essere dei magnati dei videogiochi".Nonostante la grande concorrenza rappresentate dalle console e dai prodotti delle grandi multinazionali occidentali, l'industria videoludica sta facendo passi da gigante rispetto agli altri paesi della stessa area geografica."Siamo riusciti a fare un sacco di progressi nel settore dei videogiochi - aggiunge il rappresentante Tra Khoshbakht - e questo nonostante la concorrenza dei pirati che vendono copie illegali e decisamente economiche dei videogiochi stranieri".E c'è da dire che i gamers iraniani sembrano gradire se è vero che, stando ai dati, si comprano sempre più giochi prodotti in loco. Anche se la momento il primato dei giochi resta saldamente nelle mani dei produttori occidentali.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari