domenica 04 dicembre | 18:05
pubblicato il 23/giu/2013 15:27

L'esperto: Fat tax contro obesità? Si rischia dittatura

Dottor Trovato: meglio un SSN come un'assicurazione privata

L'esperto: Fat tax contro obesità? Si rischia dittatura

Milano (askanews) - Mentre in America l'obesità assume lo status di "malattia", l'Europa discute sull'opportunità di tassare grassi, sale e zuccheri. E c'è chi come Massimo Trovato, direttore dell'Istituto Bruno Leoni, ritiene che lo Stato non possa tassare gli alimenti. Piuttosto per gli obesi bisogna trasformare l'assistenza sanitaria universalistica in una sorta di assicurazione privata."Se il fatto che lo Stato sovvenzioni servizi e beni desse allo stato il diritto di governare tutti gli aspetti delle nostre vite che hanno a che fare con quei beni è evidente che con la giustificazione economica finiremmo in una dittatura".Trovato, che a Bruxelles ha partecipato a un workshop dell'Eurpean policy centre sui sistemi di tassazione degli alimenti, risponde così a chi obietta che l'obesità pesa molto sulla sanità pubblica."Dobbiamo ripensare il sistema sanitario spostandoci verso il modello di un'assicurazione privata".Del resto il direttore del Bruno Leoni parte dal presupposto che l'obesità non va trattata alla stregua di un'epidemia."Le calorie delle bevande zuccherate sono solo calorie non hanno super poteri, lo sono come quelle della carne e della pasta".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari