sabato 25 febbraio | 02:25
pubblicato il 21/mar/2011 17:10

L'emergenza sbarchi arriva a Catania, arrivati 124 egiziani

A bordo di due barche, all'inizio si dichiarano libici

L'emergenza sbarchi arriva a Catania, arrivati 124 egiziani

L'emergenza sbarchi coinvolge anche Catania: nella città siciliana sono infatti arrivati, a bordo di due barche, 124 migranti di nazionalità egiziana. Soccorsi dai volontari della Croce Rossa i migranti, reduci da cinque giorni di navigazione, sono stati sottoposti agli accertamenti medici alla stazione marittima: per alcuni è stato necessario il ricovero in ospedale. Dopo la prima assistenza sono stati trasferiti al palazzetto dello sport della città: poi un primo gruppo di 56 persone, conclusa l'identificazione, è stato inviato al centro d'accoglienza di Pozzallo, in provincia di Ragusa. All'inizio gli extracomunitari hanno dichiarato di essere libici, ma in una delle barche gli investigatori hanno trovato documenti di identità e soldi egiziani: le forze dell'ordine sospettano che lo abbiano fatto per ottenere il diritto d'asilo.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech