martedì 24 gennaio | 22:27
pubblicato il 15/gen/2013 16:53

L'Aquila/Terremoto: Clini, macerie sisma diventino patrimonio

L'Aquila/Terremoto: Clini, macerie sisma diventino patrimonio

(ASCA) - Roma, 15 gen - Vantaggi ambientali e chiusura ad ogni forma di speculazione: sono questi gli obiettivi indicati dal ministro dell'Ambiente Corrado Clini nell'ambito dell'accordo di programma, siglato con il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, che crea le condizioni perche' lo smaltimento delle macerie prodotte dal sisma del 6 aprile 2009 diventi un patrimonio perla stessa citta'. Lo comunica una nota del ministero dell'Ambiente. Un'intesa gia' stabilita in passato e che ora viene fissata attraverso ulteriori passaggi. Infatti, aggiunge la nota, all'obiettivo viene istituito un comitato di esperti con ministero per l'Ambiente, Comune, Regione, Provincia, Arta e Asl, che garantira' programma e norme che portino alla sperimentazione di processi nuovi. Il sisma ha prodotto 3 milioni di tonnellate di macerie, 661mila tonnellate sono state rimosse, mentre il monitoraggio delle macerie private e' partito solo ad agosto.

Se le macerie pubbliche finiscono nelle cave locali, le altre partono per le piu' disparate destinazioni, fino anche a Foggia, e in ogni caso, quasi sempre fuori Regione, disperdendo cosi' un tesoro. E i costi per questi viaggi sono pagati con i soldi della ricostruzione: il costo stimato e' di 10 centesimi per tonnellate per chilometro. Il protocollo d'intesa punta a rendere concorrenziale la scelta di cave pubbliche locali, e l'interesse a che cio' si realizzi parte dai costruttori privati. Sono state infatti Ance e Cna a chiedere che tale accordo venisse siglato.

Le macerie, secondo il protocollo, andranno smaltite nei siti aquilani, e verranno cosi' utilizzate per il ripristino di cave ambientali. Il primo sito cui l'intesa mira a dare ripristino e' quella di Pontignone, localita' Tempera. Poi sara' avviato il recupero ambientale della cava di San Giuliano e poi il parco archeologico di San Vittorino.

''L'intesa esprime l'interesse pubblico di conservare le macerie - spiega il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini - creando le condizioni perche' sia conveniente l'uso del pubblico. Ha vantaggi ambientali, consentendo il ripristino di cave, economici per l'abbattimento di costi evitando le speculazioni''.

com/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Maltempo
Rigopiano, 15 vittime: 9 ancora in obitorio da identificare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4