giovedì 23 febbraio | 10:15
pubblicato il 01/ago/2014 13:28

L'Aquila, spaccia ai domiciliari calando la droga dalla finestra

Il trucco di una coppia scoperto dalla polizia

L'Aquila, spaccia ai domiciliari calando la droga dalla finestra

L'Aquila, (askanews) - Spacciava droga da casa, ma era agli arresti domiciliari. La polizia dell'Aquila ha arrestato un uomo, già ai domiciliari per reati connessi alla droga, e la sua convivente: insieme avevano messo a punto un sistema semplice ma efficace per continuare a vendere la droga nonostante lui non potesse uscire di casa.I due calavano lo stupefacente dalla finestra con un cestino di plastica: l'acquirente aspettava la dose appostato sotto il palazzo, una volta presa la droga metteva nello stesso cestello i soldi per il pagamento della dose. Gli agenti della squadra mobile, che indagavano sul caso da agosto 2013, li hanno smascherati grazie alle riprese di una videocamera installata davanti al palazzo dove la coppia abitava. Durante il periodo di attività di questo metodo la coppia era riuscita a realizzare 40 scambi di droga.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech