mercoledì 07 dicembre | 17:28
pubblicato il 06/apr/2013 15:35

L'Aquila: in archivio giornate del ricordo, da domani riprende la lotta

L'Aquila: in archivio giornate del ricordo, da domani riprende la lotta

(ASCA) - L'Aquila, 6 apr - Tutta L'Aquila si e' mobilitata, ieri ed oggi, per non dimenticare la tragedia del terremoto.

Le istituzioni, il mondo delle arti e della cultura, l'associazionismo, le singole comunita' religiose. Tutte hanno contribuito ad arricchire il pregno e variegato ''cartellone'' (termine forse troppo ludico per l'occasione, bandito dalla senatrice Pezzopane), commemorativo del quarto anniversario. Tra fiaccolate della memoria, concerti, spettacoli teatrali, mostre, celebrazioni liturgiche di suffragio nella citta' capoluogo e nelle periferie, L'Aquila, nel giorno del lutto, ha ricordato le sue 309 vittime. Quest'anno confortata da una presenza di grande carisma, in rappresentanza di quello Stato che, lamentano gli aquilani, non da' risorse, strumenti, spinte per ricostruire: il presidente del Senato, Pietro Grasso. La seconda carica istituzionale ha visitato il centro storico con le ferite del terremoto ancora tutte aperte; ha sostato in silenzio davanti alla Casa dello studente (8 giovani vite spezzate); ha assicurato che la ripresa, ora con l'amministrazione ordinaria, non solo e' possibile ma doverosa e che e' una questione imprescindibile per il Paese. ''Vi siamo vicini'' ha detto Grasso, stringendo le spalle della zia di Davide, universitario volato in cielo. E forse queste semplici parole sono bastate a ridare il sorriso ad una popolazione delusa, sconfortata, irritata, alla deriva fisica e morale. O forse no. Per lui, comunque, solo un ideale, affettuoso abbraccio, da parte della citta'. Che lo ha accolto poi al Forte spagnolo, dove Grasso ha parlato del valore della legalita', irrinunciabile per tutto il Paese, che deve essere ricostruito ad ogni costo, proprio partendo dall'Aquila, in prima linea, da quattro anni, nella dura lotta contro le infiltrazioni malavitose. Parole importanti, di solidarieta' e di fiducia, sono giunte al prefetto della citta', Francesco Alecci, anche dalla presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, che in una lettera ha assicurato l'impegno del Parlamento per L'Aquila, non solo in termini finanziari. La Boldrini ha ''bacchettato'' la lentezza delle istituzioni ed ha lanciato un monito per una gestione oculata, amica, responsabile del territorio, dell'ambiente.

Giornate di tregua, quelle del ricordo. Ma il sindaco Massimo Cialente sta gia' programmando una prossima mobilitazione cittadina, per avere quelle risorse e quell'attenzione necessarie per sopravvivere. Il Primo cittadino, alla vigilia della commemorazione, aveva lanciato una provocazione: ''soldi o via le bandiere tricolori e via il prefetto, ci lascino morire in pace, non abbiano piu' neanche la speranza''.

Oggi il prefetto Alecci ha risposto a Cialente: ''Non ci possono essere parti del territorio nazionale in cui si eliminano la bandiera o il rappresentante del Governo.

Abbiamo fatto sapere, ma lo sapevano gia', a chi e' componente dell'Esecutivo, che il territorio invoca fortemente questa specifica attenzione.

Poiche' il Governo l'ha data, bisogna evidentemente spiegarlo meglio e convincere chi rappresenta la comunita', per esempio il Sindaco, che quello che e' stato fatto e' quello che si doveva fare''. Eppure, le neo senatrici Stefania Pezzopane (Pd) ed Enza Blundo (Movimento 5 Stelle) hanno invocato ancora, e con forza, interesse concreto e tangibile. La voce della Pezzopane, in particolare, si e' unita a quella del sindaco Cialente. Domani si spegneranno di nuovo le luci e ricomincera' la lotta. Anche per quelle 3.500 persone che solo nell'anno passato si sono arrese e sono andate via dall'Aquila. Con molto dolore nel cuore ma con qualche prospettiva di vita e benessere in piu'. iso/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni