lunedì 05 dicembre | 10:23
pubblicato il 13/mar/2013 16:43

L'Aquila: Cialente, se paese vuole ricostruire si ripristini Cdp

(ASCA) - L'Aquila, 13 mar - Avviare la ricostruzione dell'Aquila entro il 2018. Ma, ha obiettato il sindaco Massimo Cialente, stamane a margine di una conferenza stampa, ''se non sara' ripristinato il meccanismo dei contributi attraverso la Cassa depositi e prestiti, vuol dire che l'Italia, il sistema Paese, ha deciso che non si vuole ricostruire L'Aquila''. Il Sindaco ha ricordato che nei primi anni della ricostruzione ''leggera'', quella delle abitazioni meno danneggiate, con il ''contributo agevolato'', attraverso un mutuo pescato da un plafond di 2 miliardi messo sul piatto dalla Cassa, le somme richieste venivano messe a disposizione velocemente e senza andare a gravare sull'indebitamento generale dello Stato. Una volta prosciugato quel fondo, oggi si e' tornati al ''contributo diretto'', con passaggi burocratici al Comune, approvazione degli stati di avanzamento dei lavori, rendicontazione e attesa paziente del trasferimento delle risorse gia' anticipate dalle imprese, in grandi difficolta'. Cialente ha rimarcato che alternative alla Cassa Depositi e Prestiti non ce ne sono.

iso/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari