lunedì 23 gennaio | 05:35
pubblicato il 08/gen/2014 16:32

L'Aquila: arresti ricostruzione, Ps 'indagine su persone non su Comune'

(ASCA) - L'Aquila, 8 gen - Maurilio Grasso, capo della Squadra mobile della Questura dell'Aquila, lo ha chiarito subito: ''Non si tratta di una indagine sul Comune ma su persone che ruotano intorno al Comune''. Poi, in conferenza stampa, tutti i dettagli (molti dei quali gia' trapelati) sulla nuova ''Tangentopoli'' della ricostruzione post sisma.

''Do ut des'' il nome dell'operazione giudiziaria che ha portato ad otto avvisi di garanzia, quattro dei quali con arresti domiciliari, di imprenditori, funzionari attuali ed ex del Comune dell'Aquila.

Dimissionario uno degli indagati, il vicesindaco ed assessore Roberto Riga. Al centro dell'inchiesta, e' stato spiegato, l'impresa veneta Steda srl dell'imprenditore Daniele Lago.

Avrebbe pagato tangentit, ''con consulenze fittizie'', e in alcuni casi ''regalando'' Map (Moduli abitativi provvisori).

All'attenzione dei pm soprattutto i lavori di messa in sicurezza in affidamento diretto, perche' in piena fase emergenziale, di palazzo Carli, storica sede dell'Universita' nel centro storico, per un valore di circa cinque milioni di euro. L'inchiesta sarebbe partita da un contenzioso avviato dall'azienda aquilana Silva contro la Steda per lavori non pagati per circa un milione e 300 mila euro, che compaiono nel procedimento come appropriazione indebita a carico dell'impresa veneta. ''Le indagini condotte dalla Polizia e coordinate dalla Procura della Repubblica - spiega Grasso - mirano ad assicurare trasparenza nell'attivita' di aggiudicazione degli appalti, in particolare per procedure piu' regolari possibili. Si tratta di indagini delicate - ha puntualizzato il responsabile della Squadra mobile aquilana - che interessano tutto il paese per via della ricostruzione; per questo illustriamo gli elementi che hanno portato il gip a firmare i provvedimenti''. Dalle indagini investigative, supportate da intercettazioni e riscontri bancari, e' risultato esserci ''un sistema corruttivo tangentizio di un gruppo per avere appalti che riguarda casi specifici e che rivela una prassi, un modus operandi sulla trattazione della materia degli appalti all'Aquila''. iso/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4