domenica 11 dicembre | 11:56
pubblicato il 21/giu/2011 17:22

L'Anci vuole costituirsi parte civile nei processi per mafia

Programma lanciato a Palermo, hanno aderito 300 amministrazioni

L'Anci vuole costituirsi parte civile nei processi per mafia

Costituirsi parte civile nei processi per mafia, destinare alle vittime del racket i risarcimenti che ne deriverebbero, e creare un reparto speciale di Polizia Municipale che si dedichi al contrasto del lavoro nero. E' questa la proposta contenuta nella mozione promossa a Palermo dall'Anci Giovane, la consulta di amministratori locali che hanno meno di 35 anni. Ad illustrare la mozione l'assessore regionale siciliano alla Funzione Pubblica Caterina Chinnici, figlia del giudice Rocco Chinnici, che per primo intuì la necessità di seguire i movimenti di denaro di provenienza illecità, per comprendere le trame interne a Cosa nostra.Adottata già da circa 300 Comuni italiani, la mozione sta godendo di notevole successo, al punto anche sono tante le altre amministrazioni che presto ne faranno ricorso.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina