giovedì 08 dicembre | 12:56
pubblicato il 08/ago/2011 16:34

L'alga tossica a Napoli, ordinanza vieta pesca ricci e molluschi

I bagnanti non sembrano preoccupati

L'alga tossica a Napoli, ordinanza vieta pesca ricci e molluschi

Dalle spiagge palermitane a quelle di Napoli e provincia: l'alga tossica Ostreopsis ovata estende i suoi effetti sulle coste italiane e fa scattare il divieto di raccogliere frutti di mare, ricci e crostacei. il contenuto di un'ordinanza dell'assessore all'Ambiente del Comune di Napoli Tommaso Sodano, che proibisce la raccolta anche per autoconsumo nei siti della Gaiola, Rocce Verdi e Nisida, in prossimità della costa e sino a 100 metri di distanza. L'alga può provocare problemi alla respirazione, dermatiti e febbre. L'ordinanza raccomanda anche di non esporsi sulla battigia nelle zone interessate in caso di vento forte e mare mosso, e di non immergersi dove l'alga è visibile. Ma i bagnanti non sembrano preoccupati.L'alga di origine tropicale si è adattata al Mediterraneo e fiorisce in abbondanza a luglio e inizio agosto, a Napoli in particolare a Posillipo. Prima che in città, il divieto era scattato a Sorrento, Sant'Agnello e Bacoli.

Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni