sabato 10 dicembre | 08:24
pubblicato il 02/apr/2013 18:53

L'addio di Milano a Jannacci, il "poeta" degli emarginati

Folla e commozione a Sant'Ambrogio per i funerali del cantautore

L'addio di Milano a Jannacci, il "poeta" degli emarginati

Milano, (askanews) - La gente amava Enzo Jannacci perché non si poteva non volere bene a chi ha dato voce a tanti anonomi personaggi di periferia sconfitti dalla vita. Don Roberto Davanzo, il direttore dalla Caritas Ambrosiana, ha ricordato così il cantautore milanese durante i funerali celebrati nella basilica di Sant'Ambrogio davanti alla folla commossa che ha riempito anche il quadriportico esterno della chiesa. "Non so quanto Enzo fosse consapevole di questo suo successo, ma la carità ha bisogno di poeti e Enzo è stato uno di loro" ha aggiunto il sacredote durante l'omelia. Tra i tanti che hanno reso omaggio a Jannacci, da Celentano a Renzo Arbore, anche Roberto Vecchioni. "Arrivare al suo genio è impossibile, il genio è quello che cambia tutto: tu ti aspetti una cosa e lui ne fa un'altra migliore. Lui era così, nella canzone italiana forse ce ne sono due o tre al massimo così".

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina