venerdì 09 dicembre | 03:26
pubblicato il 16/lug/2013 13:51

Kazakistan: Amnesty, Italia deve rendere conto di esplusione illegale

Kazakistan: Amnesty, Italia deve rendere conto di esplusione illegale

(ASCA) - Roma, 16 lug - ''Il governo italiano deve indagare e rendere pubbliche tutte le circostanze che hanno portato all'espulsione illegale della moglie e della figlia dell'oppositore politico kazako Mukhtar Ablyazov''. Loa dichiara Amnesty International in una nota diffusa mentre il parlamento italiano si appresta a esaminare le conclusioni dell'inchiesta del ministero dell'Interno sulle accuse di collusione tra Italia e Kazakistan e altre violazioni della legge italiana. ''Le autorita' italiane devono assicurare che vi sara' un pieno accertamento dei fatti, inclusa ove necessario l'apertura di procedimenti penali, per ogni violazione dei diritti umani delle due persone espulse. Solo in questo modo potra' essere messa da parte ogni accusa di collusione con le autorita' del Kazakistan'' afferma John Dalhuisen, direttore del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International. L'annullamento dell'ordine di espulsione da parte del governo italiano dopo il riconoscimento dell'errore commesso ''e' un piccolo passo avanti in una vicenda che richiede trasparenza e assunzione di responsabilita' a ogni livello da parte delle autorita' di polizia e di governo. E' grottesco che una donna e la sua piccola figlia siano state portate in tutta fretta su un aereo privato, senza un giusto processo, e inviate in un paese dove sarebbero state a rischio di persecuzione''' e' il ragionamento di Dalhuisen. Amnesty sottolina inotre che ''i mezzi d'informazione italiani hanno riferito che il 6 luglio l'ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha incontrato in Sardegna il presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbayev'' e che ''l'inchiesta interna della polizia italiana e' stata supervisionata dal ministro dell'Interno Angelino Alfano, che e' anche il segretario politico del partito di Silvio Berlusconi, il Popolo della liberta''. In tale quadro, secondo il funxionario Amnety ''l'inchiesta dovrebbe essere veramente indipendente e dovrebbe apparire come tale. Siamo molto preoccupati per il fatto che il ministero dell'Interno stia indagando su se stesso, in quanto responsabile di tutte le questioni relative all'immigrazione, comprese le espulsioni. L'indagine sul rinvio forzato di Alma Shalabayeva non dev'essere considerata alla stregua di un affare interno''.

''Alma Shalabayeva - si sottolinea ancora nel comunicato - e' ora nelle mani del governo del Kazakistan, tristemente noto per fabbricare accuse contro gli oppositori politici e le persone a loro associate e che vanta una lunga storia di torture, maltrattamenti e processi clamorosamente iniqui.

Qualsiasi funzionario o esponente politico italiano coinvolto nell'espulsione di Alma Shalabayeva e di sua figlia, poste dunque a rischio di subire tali violazioni dei diritti umani, dovrebbe essere chiamato a risponderne'', conclude Dalhuisen.

com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni