mercoledì 22 febbraio | 10:11
pubblicato il 03/ott/2013 10:51

Italiani nel mondo: Fondazione Migrantes, nel 2013 a quota 4,3 mln

Italiani nel mondo: Fondazione Migrantes, nel 2013 a quota 4,3 mln

(ASCA) - Roma, 3 ott - A gennaio 2013 i cittadini italiani iscritti all'Aire (registry of Italians resident abroad), residenti fuori dei confini nazionali sono 4.341.156, il 7,3% dei circa 60 milioni di italiani residenti in Italia: un 3,1% in piu' rispetto al 2012 (cioe' 132.179 iscrizioni), e di 5,5% rispetto al 2011. Questi i dati presentati oggi a Roma dalla Fondazione Migrantes nell'ottavo 'Rapporto Italiani nel Mondo 2013' e da cui emerge, dunque, che dall'Italia dunque non solo si emigra ancora, ma si registra un aumento nelle partenze che impone nuovi interrogativi e nuovi impegni. Al volume hanno lavorato 50 autori con 40 contributi ed approfondimenti dall'Italia e dall'estero ed e' stato presentato Francesco Montenegro, presidente della commissione Cei per le migrazioni e della Fondazione Migrantes, Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, Delfina Licata, curatrice del 'Rapporto', Massimo Vedovelli, rettore dell'Universita' per Stranieri di Siena e membro della commissione scientifica del 'Rapporto', Alberto Toso, presidente del comitato di rappresentanza degli assistenti parlamentari accreditati al Parlamento europeo e redattore del 'Rapporto ', Ilaria Del Bianco, presidente dell'associazione 'Lucchesi nel Mondo', Cristina Ravaglia, direttore generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie del ministero degli Affari Esteri e Claudio Micheloni, presidente del comitato per le questioni degli Italiani all'estero del Senato.

Al centro del 'Rapporto' i migranti italiani di ieri e di oggi, quelli che possiedono la cittadinanza italiana e il passaporto italiano ma vivono fuori di confini nazionali, chi vota dall'estero, quelli che nascono all'estero da cittadini italiani, quelli che riacquistano la cittadinanza, chi si sposta per studio o formazione, chi va fuori dall'Italia per sfuggire alla disoccupazione o perche' insegue un sogno professionale. Il Rapporto si concentra anche su figure della Chiesa del passato, legate alla mobilita' italiana, descrivendole e attualizzandole, dando modo cosi' al lettore di sentirne la modernita' e la vitalita': attualmente sono 615 gli operatori specificatamente in servizio per gli italiani (laici/laiche consacrati e non, sacerdoti diocesani e religiosi, suore, sacerdoti in pensione) presenti in 375 Missioni Cattoliche di Lingua Italiana distribuite in 41 nazioni nei 5 continenti. A questi si unisce il generale mondo della missionarieta', fatto da circa 10 mila operatori tra presbiteri, consacrati e consacrate, laici e laiche.

red/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Papa
Papa: l'integrazione non è né assimilazione né incorporazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%