mercoledì 18 gennaio | 05:17
pubblicato il 14/nov/2013 14:37

Italia-S.Sede: piu' sforzi per famiglia e crisi. Il messaggio del papa

Italia-S.Sede: piu' sforzi per famiglia e crisi. Il messaggio del papa

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 14 nov - Un maggiore sforzo per famiglia, lavoro e crisi economica. Lo ha chiesto papa Francesco in occasione della prima visita al Quirinale durata circa 2 ore.

Francesco, accolto nel Cortile d'Onore dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e' salito al Colle a bordo di una semplice utilitaria: una Ford Focus blu che lo ha accompagnato in tutti gli spostamenti fuori le Mura leonine dall'inizio del pontificato. In un clima sobrio ma pur sempre solenne, come il protocollo ufficiale richiede, Francesco e Napolitano si sono scambiati i rispettivi saluti e hanno affrontato gli attuali temi che coinvolgono in particolare l'Italia.

''Il momento attuale'', ha detto papa Francesco nel suo discorso ufficiale, e' ''segnato dalla crisi economica che fatica ad essere superata e che, tra gli effetti piu' dolorosi, ha quello di una insufficiente disponibilita' di lavoro'', evidenziando che ''tante sono le questioni di fronte alle quali le nostre preoccupazioni sono comuni e le risposte possono essere convergenti''.

Il pontefice ha sottolineato inoltre che e' ''necessario moltiplicare gli sforzi per alleviarne le conseguenze e per cogliere ed irrobustire ogni segno di ripresa''.

Parallelamente agli sforzi per arginare la crisi economica, Francesco ha chiesto con forza che la famiglia venga messa al centro delle politiche istituzionali: ''La famiglia ha bisogno della stabilita' e riconoscibilita' dei legami reciproci, per dispiegare pienamente il suo insostituibile compito e realizzare la sua missione. Mentre mette a disposizione della societa' le sue energie, essa chiede di essere apprezzata, valorizzata e tutelata''. ''Al centro delle speranze e delle difficolta' sociali, - ha osservato il papa - c'e' la famiglia. Con rinnovata convinzione, la Chiesa, continua a promuovere l'impegno di tutti, singoli ed istituzioni, per il sostegno alla famiglia, che e' il luogo primario in cui si forma e cresce l'essere umano, in cui si apprendono i valori e gli esempi che li rendono credibili''. Il pontefice ha piu' volte ringraziato il presidente Napolitano e rivolto all'Italia la personale manifestazione di amicizia ricordando anche le proprie origini italiane: ''Rendendole visita in questo luogo cosi' carico di simboli e di storia, vorrei idealmente bussare alla porta di ogni abitante di questo Paese, dove si trovano le radici della mia famiglia terrena, e offrire a tutti la parola risanatrice e sempre nuova del Vangelo''. Al termine della visita ufficiale il papa ha incontrato e rivolto un breve saluto a tutti i dipendenti del Quirinale e le famiglie: ''La ringrazio presidente per l'opportunita' di questo incontro. E' un incontro familiare.

Dietro la funzione pubblica c'e' sempre la famiglia: figli e nipoti''.

dab/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa