martedì 06 dicembre | 19:35
pubblicato il 19/apr/2011 05:10

Istruzione/ Studenti in 50 piazze per welfare e diritti

Medi e universitari Rete Conoscenza:no a tagli e riforme Governo

Istruzione/ Studenti in 50 piazze per welfare e diritti

Roma, 19 apr. (askanews) - Tornano oggi in piazza gli studenti delle scuole e delle università: per contestare i tagli e le riforme in atto intraprese dal Governo Berlusconi, in oltre delle maggiori 50 città italiane - tra cui Roma, Milano, Torino, Genova, Trieste, Napoli e Bari - i giovani medi e universitari facenti capo alla Rete della Conoscenza, l'organizzazione studentesca cui confluiscono Link-Coordinamento universitario e Unione degli studenti, si svolgeranno sit in, flash mob e iniziative varie. I giovani reclameranno, in particolare, "un sistema nuovo di welfare e diritto allo studio capace - spiega il sindacato studentesco - di garantire una vera libertà di scelta dei propri percorsi di studio e di vita, senza essere legati dal reddito delle proprie famiglie e dalla precarietà dilagante". Gli organizzatori hanno ribadito la loro contrarietà a vedere ridotta "la scuola e l'università in un'azienda, dove docenti precari devono avere lo stesso colore politico dei governi di turno, luoghi dove non devono formare le coscienze dei cittadini". A dare vigore all'iniziativa, chiamata 'Student action day', sono state le parole pronunciate nei giorni scorsi dal premier Berlusconi sulla necessità di porre sullo stesso piano istruzione pubblica e privata. "Le ultime parole del presidente del Consiglio - sostengono gli studenti - sono vergognose, ma ancora di più lo sono i nove miliardi di tagli su scuola e università, le migliaia di precari lasciati senza lavoro, le scuole che continuano a cadere a pezzi, l'assenza di risorse per i dipartimenti e per i ricercatori in un paese che ha bisogno di una formazione di qualità per crescere". Dopo aver ricordato che "sono decine di migliaia gli studenti che non hanno borse di studio, molti dei quali costretti ad abbandonare il percorso scolastico o universitario, che pagano abbonamenti mensili esosi per i trasporti, che vedono come una rara eccezione e un privilegio riuscire ad accedere a cinema, teatri, musei o poter acquistare libri, musica, video", i giovani della Rete della Conoscenza hanno annunciato che il 6 maggio parteciperanno anche allo sciopero generale indetto dalla Cgil.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni