domenica 11 dicembre | 13:31
pubblicato il 11/mar/2013 11:27

Istat: quasi 7 milioni gli italiani a rischio poverta'

Istat: quasi 7 milioni gli italiani a rischio poverta'

Solo nell'ultimo anno in 2,5 mln sono finiti in grave difficolta'.

(ASCA) - Roma, 11 mar - In termini assoluti, dal 2008 ad oggi, il numero di italiani poveri e' rimasto sostanzialmente stabile, ma sono nettamente aumentati, soprattutto a Sud, quanti iniziano a cedere sotto il peso della crisi, ritrovandosi in stato di ''grave deprivazione'' e, pertanto, a ''rischio di poverta'''. In un solo anno, infatti, 2,5 milioni di italiani sono piombati in una situazione di grave difficolta', passando dai 4,2 milioni del 2010, il 6,9% della popolazione, ai 6,7 milioni del 2011, l'11,1% del totale: uno scarto di 4,2 punti percentuali. Lo attesta il Bes, nuovo indice di 'Benessere equo e sostenibile' da affiancare al Pil, coniato da Istat e Cnel e presentato oggi a Montecitorio alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Statisticamente si entra in stato di grave deprivazione quando si manifestano quattro o piu' sintomi di disagio economico su un elenco di nove: dall'impossibilita' di affrontare spese impreviste, a non poter permettersi una vacanza, fino a risparmiare sul riscaldamento di casa.

Rispetto al dato nazionale, quello del Mezzogiorno e' ancora piu' allarmante, con un balzo di sette punti percentuali dell'indice di deprivazione registrato tra il 12,1% del 2010 e il 19,3% del 2011. Al quinto anno di crisi il rischio poverta' inizia a manifestarsi non solo nelle fasce di popolazione piu' disagiate, ma anche in ''chi, nel 2010, aveva livelli di reddito prossimi, se non leggermente superiori, alla media''.

Il Bes ne deduce che ''per un numero crescente di famiglie gli amortizzatori sociali e la solidarieta' familiare non sono stati sufficienti a compensare gli effetti dell'erosione del reddito disponibile sul tenore di vita degli italiani. Alle difficolta' oggettive si aggiunge, inoltre, la percezione, ad esempio, ''di non potersi permettere un pasto di adeguato di carne, pesce o equivalenti ogni due giorni'', afferma il rapporto Bes 2013.

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina