mercoledì 25 gennaio | 01:21
pubblicato il 11/mar/2013 11:27

Istat: quasi 7 milioni gli italiani a rischio poverta'

Istat: quasi 7 milioni gli italiani a rischio poverta'

Solo nell'ultimo anno in 2,5 mln sono finiti in grave difficolta'.

(ASCA) - Roma, 11 mar - In termini assoluti, dal 2008 ad oggi, il numero di italiani poveri e' rimasto sostanzialmente stabile, ma sono nettamente aumentati, soprattutto a Sud, quanti iniziano a cedere sotto il peso della crisi, ritrovandosi in stato di ''grave deprivazione'' e, pertanto, a ''rischio di poverta'''. In un solo anno, infatti, 2,5 milioni di italiani sono piombati in una situazione di grave difficolta', passando dai 4,2 milioni del 2010, il 6,9% della popolazione, ai 6,7 milioni del 2011, l'11,1% del totale: uno scarto di 4,2 punti percentuali. Lo attesta il Bes, nuovo indice di 'Benessere equo e sostenibile' da affiancare al Pil, coniato da Istat e Cnel e presentato oggi a Montecitorio alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Statisticamente si entra in stato di grave deprivazione quando si manifestano quattro o piu' sintomi di disagio economico su un elenco di nove: dall'impossibilita' di affrontare spese impreviste, a non poter permettersi una vacanza, fino a risparmiare sul riscaldamento di casa.

Rispetto al dato nazionale, quello del Mezzogiorno e' ancora piu' allarmante, con un balzo di sette punti percentuali dell'indice di deprivazione registrato tra il 12,1% del 2010 e il 19,3% del 2011. Al quinto anno di crisi il rischio poverta' inizia a manifestarsi non solo nelle fasce di popolazione piu' disagiate, ma anche in ''chi, nel 2010, aveva livelli di reddito prossimi, se non leggermente superiori, alla media''.

Il Bes ne deduce che ''per un numero crescente di famiglie gli amortizzatori sociali e la solidarieta' familiare non sono stati sufficienti a compensare gli effetti dell'erosione del reddito disponibile sul tenore di vita degli italiani. Alle difficolta' oggettive si aggiunge, inoltre, la percezione, ad esempio, ''di non potersi permettere un pasto di adeguato di carne, pesce o equivalenti ogni due giorni'', afferma il rapporto Bes 2013.

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4