domenica 04 dicembre | 07:43
pubblicato il 11/feb/2014 11:36

Istat: nel 2011 in calo spesa regioni per tutela ambiente

Istat: nel 2011 in calo spesa regioni per tutela ambiente

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - La spesa pro capite delle amministrazioni regionali per la tutela ambientale, nel 2011, e' di 69 euro, in diminuzione rispetto al 2010. A livello territoriale, la spesa e' largamente superiore alla media nazionale nel Mezzogiorno (circa 111 euro), mentre risulta molto inferiore nel Nord-ovest (33,8 euro per abitante). E' quanto emerge dal rapporto dell'Istat, giunto alla sesta edizione, ''Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo'' che offre un quadro d'insieme dei diversi aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese, della sua collocazione nel contesto europeo e delle differenze regionali che lo caratterizzano.

Tornando all'ambiente, nel 2011 sono stati raccolti 528,1 kg di rifiuti urbani per abitante, 8,9 kg in meno rispetto allo scorso anno. A livello territoriale, le maggiori quantita' di rifiuti urbani si raccolgono nelle regioni del Centro. Con oltre 220 kg pro capite di rifiuti urbani smaltiti in discarica, l'Italia si colloca molto al di sopra della media europea. Nonostante il trend costantemente decrescente, viene smaltito nelle discariche ancora circa la meta' (42,1 per cento) del totale dei rifiuti urbani raccolti. Il 37,7 per cento dei rifiuti urbani viene avviato a raccolta differenziata, (+2,5 punti percentuali rispetto al 2010). Il Nord-est detiene il primato con il 55,3 per cento.

Nel 2011 l'Italia riduce del 2,3 per cento le emissioni di gas serra rispetto al 2010 (488,8 milioni di tonnellate di Co2 equivalente) e si avvicina all'obiettivo di massima emissione fissato dal protocollo di Kyoto. Le regioni con emissioni pro capite piu' ridotte sono tutte localizzate al Sud. Nel 2013 il 36,7 per cento delle famiglie italiane segnala problemi relativi all'inquinamento dell'aria nella zona di residenza e il 18,7 per cento lamenta la presenza di odori sgradevoli. Sul territorio, il Nord-ovest si caratterizza per percentuali piu' elevate di famiglie che segnalano entrambi i problemi. Nel 2012 il verde urbano copre in media il 2,8 per cento del territorio (oltre 570 milioni di m2) dei comuni capoluogo. Tale quota corrisponde a una disponibilita' pari a 31,4 m2 per abitante, con un incremento della superficie complessiva, rispetto al 2011, di circa l'1 per cento. Il 15,3 per cento della superficie comunale e' inclusa in aree naturali protette (valore sostanzialmente stabile rispetto all'anno precedente).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari