martedì 17 gennaio | 22:35
pubblicato il 11/mar/2013 11:01

Istat: in un anno 2,5 mln di italiani piombati in rischio poverta'

Istat: in un anno 2,5 mln di italiani piombati in rischio poverta'

(ASCA) - Roma, 11 mar - In termini assoluti, dal 2008 ad oggi, il numero di italiani poveri e' rimasto sostanzialmente stabile, ma sono nettamente aumentati, soprattutto a Sud, quanti iniziano a cedere sotto il peso della crisi, ritrovandosi in stato di ''grave deprivazione'' e, pertanto, a ''rischio di poverta'''. In un solo anno, infatti, 2,5 milioni di italiani sono piombati in una situazione di grave difficolta', passando dai 4,2 milioni del 2010, il 6,9% della popolazione, ai 6,7 milioni del 2011, l'11,1% del totale: uno scarto di 4,2 punti percentuali. Lo attesta il Bes, nuovo indice di 'Benessere equo e sostenibile' da affiancare al Pil, coniato da Istat e Cnel e presentato oggi a Montecitorio alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Statisticamente si entra in stato di grave deprivazione quando si manifestano quattro o piu' sintomi di disagio economico su un elenco di nove: dall'impossibilita' di affrontare spese impreviste, a non poter permettersi una vacanza, fino a risparmiare sul riscaldamento di casa.

Rispetto al dato nazionale, quello del Mezzogiorno e' ancora piu' allarmante, con un balzo di sette punti percentuali dell'indice di deprivazione registrato tra il 12,1% del 2010 e il 19,3% del 2011. Al quinto anno di crisi il rischio poverta' inizia a manifestarsi non solo nelle fasce di popolazione piu' disagiate, ma anche in ''chi, nel 2010, aveva livelli di reddito prossimi, se non leggermente superiori, alla media''.

Il Bes ne deduce che ''per un numero crescente di famiglie gli amortizzatori sociali e la solidarieta' familiare non sono stati sufficienti a compensare gli effetti dell'erosione del reddito disponibile sul tenore di vita degli italiani. Alle difficolta' oggettive si aggiunge, inoltre, la percezione, ad esempio, ''di non potersi permettere un pasto di adeguato di carne, pesce o equivalenti ogni due giorni'', afferma il rapporto Bes 2013.

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa